Proprietà di un dominio

In questo articolo ti svelerò un trucco poco conosciuto per capire la proprietà di un dominio. Ti sei mai chiesto se il tuo dominio è tuo?

Di chi è il dominio

Ti racconto una breve storia realmente accaduta a un cliente.

Paolo ha incaricato una web agency di realizzare il suo sito internet. Non avendo già registrato il dominio in precedenza, ha incaricato la web agency anche di registrare il dominio per la sua azienda.

Tutto procede per il meglio, il sito viene realizzato e Paolo è tranquillo.

Dopo qualche anno Paolo mi chiede se posso rifare il sito perché quello attuale è fatto con una tecnologia obsoleta, non gli piace più, deve cambiare e modificare molte parti, ecc. ecc.

Quando devo sviluppare un sito normalmente lo sposto sui server di cui ho il controllo completo e di cui conosco la configurazione a menadito, e questo significa che non uso i vari register, aruba, 1&1, ecc. ecc. ma ho server dedicati specifici.

Ho quindi chiesto a Paolo i codici di autorizzazione per spostare il suo dominio sui miei server e iniziare lo sviluppo. Lui a sua volta li ha chiesti a chi aveva fatto tutto il lavoro precedente.

Dopo qualche tempo, vedendo che questi codici non arrivavano ho chiesto a Paolo che, abbastanza confuso, mi ha detto che nonostante ripetuti solleciti, non aveva ancora ricevuto nulla.

Avere questo codice è un diritto e deve essere dato senza esitazioni a meno che chi lo chiede non abbia pagato.

Per farla breve, ho fatto un po’ di ricerche e ho scoperto che il dominio di Paolo non era registrato a suo nome ma a nome della web agency! Questo poteva significare solo che Paolo era nei guai perché il dominio non era di sua titolarità e questi potevano benissimo rifiutarsi di consegnargli l’auth code.

Fortunatamente alla fine abbiamo scoperto che questi non lo avevano fatto per fare i furbi, ma solo per la più bieca delle incompetenze e quindi Paolo ha ottenuto il suo dominio senza particolari problemi. Probabilmente le lungaggini derivavano dal fatto che la web agency non sapesse neppure come si facesse ad averlo.

Morale.

Notice Title

Quando ti fanno una proposta che può includere anche la registrazione del dominio controlla bene, specificalo chiaramente, e verifica prima di pagare, a chi il dominio è intestato.

È una cosa quasi al limite della truffa e non è assolutamente corretta, ma purtroppo succede spessissimo e, cosa ancora più significativa, molto spesso succede per incompetenza di chi lo ha registrato!

Alcuni lo fanno per tenersi legato il cliente, ma è sbagliatissimo, mentre altri lo fanno proprio perché non hanno idea di quello che stanno facendo, e questo te la dice lunga sulla persona alla quale ti sei messo in mano.

Il dominio lo puoi registrare tu in autonomia usando uno dei tanti servizi in circolazione come register.it o aruba.it e in questo caso sai a chi il dominio è intestato perché lo hai fatto tu.

Ma se non ci hai mai pensato e lo fai al momento di creare il sito, puoi affidare il compito a chi ti creerà il sito, succede moltissime volte ed è assolutamente normale.

Importante!

Quello che può succedere è che chi ti registra il dominio non lo fa a nome tuo, ma a nome suo.

Se tu non verifichi, non te ne accorgerai finché non sarà troppo tardi.

Se il dominio viene registrato a nome di un’altra persona, questo dominio sarà di sua proprietà, non tuo.

Se un giorno dovessi litigare con questa persona e volessi spostare il dominio, non potresti fare nulla a livello legale perché il dominio sarà suo e non tuo, e quindi se questa persona non volesse lasciartelo, saresti bloccato.

Non sai quante volte ho visto succedere cose del genere.

Purtroppo chi non lo sa e non controlla, in genere va in fiducia e alla fine rimane col classico cerino in mano quando se ne accorge.

Non è una cosa di poco conto.

Può essere che del tuo dominio non ti interessi nulla, anche se lo reputo poco probabile, ma può essere che invece il tuo dominio abbia un enorme valore, per te e la tua attività o in generale solo come nome a dominio (ci sono stati nomi a dominio venduti a milioni di dollari in passato).

Se è di proprietà di un altro, questo valore è zero, almeno per te, ma potrebbe invece essere molto alto per chi lo ha registrato e ne è il proprietario.

Magari hai speso anni a pubblicizzare l’attività e il sito con quello specifico dominio, hai usato per anni le email con quel dominio e alla fine scopri che il dominio non è tuo!

Tu pensa solo a cosa significa avvisare tutti i tuoi corrispondenti che la tua email non è più mario.rossi@dominio.it ma mario.rossi@nuovodominio.it, per di più senza neppure avere il tempo di fare una transizione dolce tra un dominio e l’altro in modo da non perdere contatti ed email.

È un problema pazzesco e crea un sacco di disagi alla tua attività perché non riuscirai ad avvertire tutti dalla sera alla mattina, quindi perderai sicuramente delle email, non saprai che la gente ti avrà scritto e altre “piacevolezze” del genere.

Per non parlare delle ripercussioni sul sito, sui motori di ricerca e su tutta la tua presenza su internet.

Certo puoi passare alle vie legali ma dipende dalle somme in ballo. Molte volte, esperienza personale, solo il fatto di fare scrivere da un avvocato è servito allo scopo; in ogni caso sono rotture di scatole e fastidi che avresti potuto evitare.

Come fai a sapere se il dominio è di tua proprietà?

Prima di tutto mettilo bene in chiaro in fase di trattativa. Chiaramente se ti rivolgi a noi una tale cautela è inutile perché sappiamo come si registra un dominio e sappiamo che deve essere intestato alla persona o all’azienda che ci chiede di registrarlo.

Capisco che può essere una cosa brutta da dire, ma capisco anche che, in genere, chi ce lo dice è perché ha avuto qualche brutta esperienza in passato, quindi gli spieghiamo chiaramente che noi ci comportiamo correttamente e il dominio lo registriamo a nome di chi ci ha incaricato di registrarlo e, una volta registrato, glielo dimostriamo.

Se vuoi verificare, la cosa è semplicissima.

  • Vai su http://www.nic.it
  • In alto a destra scrivi il tuo dominio senza www.
  • Nella schermata che appare, clicca sulla verifica di Google e poi su Cerca.
  • Ti appariranno i dati del dominio

Nel contatto amministrativo ci deve essere il tuo nome o quello della persona della tua azienda che ha dato l’incarico della registrazione (meglio il tuo, si sa mai) e poi i contatti tecnici che solitamente sono quelli di chi ti ha registrato il dominio.

Quindi in contatto amministrativo e in registrante ci devono essere i tuoi dati.

Se ce ne sono altri, c’è qualcosa che non va e dovresti farti spiegare come mai, anche se non ci sono scuse che tengano perché significa solo che chi lo ha registrato lo ha fatto a nome suo e non tuo, con tutte le conseguenze del caso.

Dovesse essere questo il caso, esigi che i dati vengano cambiati immediatamente.

Contatta Digital Town

Hai un’esigenza, un problema da risolvere, un’idea da implementare o semplicemente vuoi capire meglio cosa possiamo fare per te nel mondo digitale?